Carrello

IMG-20160521-WA0013

Spedizioni Garantite

Utilizziamo corrieri veloci e sicuri.

Prodotti di qualità

Sul nostro portale troverete i migliori marchi.

Asteria

23.50 €

Confronta

Share this product

Caratteristiche ASTERIA è un insetticida-acaricida a base del principio attivo abamectina. ASTERIA è attivo contro tutti gli stadi mobili di insetti ed acari. ASTERIA ha in generale un’azione lenta e nonostante acari, psilla e minatori fogliari rimangano immobilizzati subito dopo l’esposizione possono essere richiesti da 3 a 5 giorni per conseguire il massimo della mortalità. Durante questo periodo di tempo i parassiti hanno un’alimentazione molto limitata e il danneggiamento sulla pianta è minimo. Modalità e dosi e d’impiego Si consiglia di non superare il numero di 2 interventi per ciclo colturale e di impiegare adeguate attrezzature per irrorazione ai fini di garantire una bagnatura ed una copertura della vegetazione sufficienti. Indipendentemente dai volumi d’acqua impiegati per la distribuzione si raccomanda di rispettare le dosi per ettaro indicate per ciascuna coltura. Non trattare durante il periodo della fioritura. Arancio, Mandarino, Clementino, Limone – Minatrice serpentina (Phyllocnistis citrella): 37,5 ml/hl (0,375-0,75 l/ha), alla comparsa delle prime mine, su getti nuovi in formazione, in due applicazioni ogni 14 giorni; 75 ml/hl (0,75 l/ha), alla comparsa delle prime mine, su getti nuovi in formazione e in una sola applicazione. Aggiungere alla miscela 0,5% di olio minerale. – Ragnetti rossi (Tetranychus urticae e Panonychus citri): 75 ml/hl (0,75-1,5 l/ha), alla comparsa dei primi stadi mobili; aggiungere alla miscela 0,5% di olio minerale. NOCIVO PERICOLOSO PER L’AMBIENTE Pero, Melo – Psilla (Psylla spp.): 75 ml/hl (0,75-1,5 l/ha), a fine caduta petali o, nelle generazioni successive, alla comparsa delle prime neanidi; aggiungere alla miscela 0,25% di olio minerale. – Ragnetto rosso dei fruttiferi (Panonychus ulmi), Ragnetto rosso comune (Tetranychus urticae), Eriofide del melo (Aculus schlechtendali), Cemiostoma (Leucoptera malifoliella), Litocollete (Phyllonorycter blancardella): 75 ml/hl (0,75-1,5 l/ha), a fine caduta petali; aggiungere alla miscela 0,25% di olio minerale. Vite – Ragnetto rosso dei fruttiferi (Panonychus ulmi), Ragnetto rosso comune (Tetranychus urticae), Ragnetto giallo della vite (Eotetranychus carpini): 75 ml/hl (0,75 l/ha), alla comparsa dei primi stadi mobili presenti sul 70% delle foglie. – Tignoletta (Lobesia botrana), Tignola (Eupecilia ambiguella): 55-75 ml/hl (0,5-0,75 l/ha), da inizio ovideposizione a due settimane dopo. Pomodoro, Peperone, Melanzana, Cetriolo, Melone – Ragnetto rosso (Tetranychus urticae), Eriofide (Aculus lycopersici): 60 ml/hl (0,3-1,2 l/ha), alla comparsa dei primi stadi mobili. – Larve di tripide (Frankliniella occidentalis): 75 ml/hl (0,75-1,2 l/ha), alla comparsa delle prime larve. – Minatrici fogliari (Liriomyza spp.): 60 ml/hl (0,3-1,2 l/ha), alla comparsa delle prime punture di ovideposizione, in due applicazioni ogni 7-10 giorni. Fragola – Ragnetto rosso (Tetranychus urticae): 40 ml/hl (0,5 l/ha), alla comparsa dei primi stadi mobili, in due applicazioni ogni 7-10 giorni; 100 ml/hl (1,2 l/ha), alla comparsa dei primi stadi mobili, in una sola applicazione. – Larve di tripide (Frankliniella occidentalis): 75 ml/hl (0,75-1,2 l/ha), alla comparsa delle prime larve. Lattughe e simili – Minatrici fogliari (Liriomyza spp.): 60 ml/hl (0,3-1,2 l/ha), alla comparsa delle prime punture di ovideposizione, trattando ogni 7-10 giorni, dal momento del trapianto fino a 21 giorni dal trapianto. – Larve di tripide (Frankliniella occidentalis): 60 ml/hl (0,3-1,2 l/ha), alla comparsa delle prime larve. Colture ornamentali e floricole in terra e in vaso, Vivai di arbustive ed arboree – Minatrici fogliari (Liriomyza spp.): 50 ml/hl (0,5-1,5 l/ha), alla comparsa delle prime punture di ovideposizione, intervenire ogni 7-10 giorni. – Larve di tripide (Frankliniella occidentalis): 75 ml/hl (0,5-1,5 l/ha), alla comparsa delle prime larve. – Ragnetto rosso comune (Tetranychus urticae): 25-50 ml/hl (0,5-1,5 l/ha), alla comparsa dei primi stadi mobili. Latifoglie e Conifere per alberature stradali e parchi – Minatrice fogliare dell’ippocastano (Cameraria ohridella): 10-40 ml per litro di acqua, iniettare il prodotto subito dopo la fioritura. – Processionaria del pino (Thaumetopoea pityocampa): 10-40 ml per litro di acqua, Iniettare in presenza delle prime larve neoanate. – Tingide del platano (Corythucha ciliata), Afidi (Aphis spp.), Acari tetranichidi ed eriofidi: 10-40 ml per litro di acqua. Iniettare il prodotto alla ripresa vegetativa delle piante. L’iniezione al tronco deve essere effettuata con attrezzature idonee e da personale specializzato. Per l’applicazione del prodotto mediante iniezioni al tronco, durante le fasi di preparazione, impiego e pulizia delle attrezzature usate, utilizzare dispositivi atti a proteggere le vie respiratorie, la pelle, gli occhi/la faccia. Transennare l’area onde impedire l’accesso a personale estraneo. Durante le fasi di preparazione ed applicazione utilizzare bacinetti di contenimento posizionati sotto i contenitori/serbatoi atti a contenere spandimenti accidentali. Preparazione e applicazione Mantenere in agitazione la miscela durante la fase di preparazione e distribuzione. Non applicare durante le ore più calde del giorno, su foglie bagnate o in caso di pioggia imminente. Non trattare quando le condizioni del tempo favoriscono fenomeni di deriva dalle zone trattate. Compatibilità Il prodotto è compatibile con gli insetticidi e fungicidi di comune impiego. In caso di miscela estemporanea con altri formulati, effettuare comunque preventivamente un test di compatibilità. Devono inoltre essere osservate le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici. Avvertenza In caso di miscela con altri formulati deve essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono inoltre essere rispettate le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici. Qualora si verificassero casi di intossicazione informare il medico della miscelazione compiuta. Fitotossicità Il prodotto è generalmente selettivo per le colture indicate in etichetta; per le colture orticole e floricole, in caso di varietà poco diffuse o di recente introduzione, si consiglia di effettuare saggi su superfici ridotte prima di estendere il trattamento ad aree più vaste. Non impiegare il prodotto su margherite Shasta (Leucanthemum spp.). Intervalli di sicurezza: Sospendere i trattamenti prima della raccolta: 3 giorni per melone, cetriolo, peperone; 7 giorni per pomodoro, melanzana, fragola; 10 giorni per agrumi, 14 giorni per pero, lattughe e simili; 28 giorni per melo e vite. Rischi di nocività ASTERIA è altamente tossico per le api esposte all’irrorazione diretta. Per proteggere le api e altri insetti impollinatori non applicare durante il periodo della fioritura e nei 10 giorni precedenti. Sfalciare o eliminare le piante spontanee in fioritura prima dell’applicazione, comprese le zone vicino alla coltura. Trattare preferibilmente nelle ore serali quando le api non sono in attività. Durante l’applicazione in serra, chiudere e coprire le colonie dei bombi. Per proteggere le api mantenere la serra chiusa per 24 ore dopo il trattamento. Il prodotto è tossico per la fauna selvatica. Allo scopo di prevenire le possibili cause di resistenza si raccomanda di alternare il prodotto con altri aventi diverse modalità di azione e di non applicare il prodotto più di due volte in successione. ATTENZIONE Da impiegarsi esclusivamente per gli usi e alle condizioni riportate in questa etichetta. Chi impiega il prodotto è responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato. Il rispetto di tutte le indicazioni contenute nella presente etichetta è condizione essenziale per assicurare l’efficacia del trattamento e per evitare danni alle piante, alle persone ed agli animali. Non applicare con i mezzi aerei. Per evitare rischi per l’uomo e l’ambiente seguire le istruzioni per l’uso (art. 9, comma 3, D.L.vo n° 65/2003). Operare in assenza di vento. Da non vendersi sfuso. Smaltire le confezioni secondo le norme vigenti. Il contenitore completamente svuotato non deve essere disperso nell’ambiente. Il contenitore non può essere riutilizzato.

Recensioni

NEWSLETTER

Iscriviti gratuitamente